Resta

“I primi mesi in cui si conosce una persona sono giorni di mani che tremano per una paura tutta nuova, sono pezzi di viaggio in cui si rema senza sapere bene dove si va, sono radici che diventano un amore inatteso, ma che già sai che sarà importantissimo. Resta è un invito che canto a questi amori: restare, nonostante i limiti, i difetti, le vulnerabilità. Perché quando si ama, e si è amati, si resta”.


Tu il mio fuori tempo tu
Tu il mio fuori spazio tu
Non lo sapevo ma volevo
Cercavo e non trovavo
E poi qualcosa dice chissà

Tu il mio fuori gioco tu
Tu il mio magari dopo tu
Non mi capivo ma sentivo
Scappavo e non guardavo
Ma gli occhi mi si aprivano già

Resta… Resta resta resta anche domani
Che oggi sai mi tremano le mani
Dai prendile e vediamo se si calmeranno un po’
Resta… Resta resta resta nei miei piani
Io non ne faccio tanti ma mi chiami
E chiedimi cosa farò con te

Tu il mio fuori tutto tu
Tu il mio nuovo stato tu
Dicevo sempre non ci credo
Meritarlo non potevo
Ma ecco che ora piango e chissà

Resta… Resta resta resta anche domani
Che oggi sai mi ridono anche i piedi
Dai sceglimi le scarpe meglio rosa o blu per me
Resta… Resta resta resta nei miei piani
Regalami del miele che magari
Lo tengo lì nel frigo per noi due

E poi vediamo vediamo vediamo
Vediamo vediamo vediamo
Chi siamo chi siamo chi siamo
Chi siamo chi siamo chi siamo
Conoscimi di più, conosco te di più
Conoscimi, di più di più perché chissà chissà

Resta… Resta resta resta anche domani
Che oggi sai mi tremano le mani
Dai baciami e poi guardami che anch’io ti guarderò
Resta… Resta resta resta nei miei piani
Io non ne faccio tanti ma mi chiami
E chiedimi cosa sarò per te

Resta